lunedì 11 gennaio 2016

Recensione "The Selection Series" di Kiera Cass



Ciao lettori, ho terminato in 7 giorni la lettura della serie the selection.

La serie è composta da tre libri:
°the selection
°the elite
°the one

in più sono usciti:
°il mondo di the selection
°the heir
°the crown in uscita nel 2016




Nome: The selection
Autore: Kiera Cass
Genere: YA distopico
Casa Editrice: Sperling & Kupfer  (collana Pandora)
Pagine: 298
Prezzo cartaceo rilegato: €17,90
Prezzo cartaceo tascabile: €9,90
Prezzo ebook: € 6,99
Narrazione: presente, pov America (protagonista femminile) 








Nome: The elite (the selection #2)
Autore: Kiera Cass
Genere: YA distopico
Casa Editrice: Sperling & Kupfer  (collana Pandora)
Pagine: 299
Prezzo cartaceo: €17,90
Prezzo cartaceo tascabile: €9,90
Prezzo ebook:6,99
Narrazione: presente, pov America (protagonista femminile)








Nome: The one (the selection #3)
Autore: Kiera Cass
Genere: YA distopico
Casa Editrice: Sperling & Kupfer  (collana Pandora)
Pagine: 316
Prezzo cartaceo rilegato: € 17,90
Prezzo cartaceo tascabile: € 9,90
Prezzo ebook: €6,90
Narrazione: presente, pov America (protagonista femminile)






La trilogia narra di una ragazza, America, che vive in quelli che una volta erano gli Stati Uniti e che ora è diventato lo Stato di Illéa. I libri sono ambientati nel un futuro, dopo la fine della quarta guerra mondiale, la quale ha lasciato spazio ad una civiltà divisa in caste.
Esse sono molto importanti ad Illea, si va dal numero otto (i vagabondi) fino a giungere al numero Uno (la famiglia reale). Le regole in questo Stato sono molto severe, vi è un coprifuoco per le uscite serali, il divieto di avere rapporti sessuali prima del matrimonio ed anche i matrimoni, soprattutto tra classi differenti, erano ben controllati.
America ha 17 anni ed è una Cinque, proviene da una famiglia con difficoltà economica, il cui loro unico possibile lavoro è all’interno del mondo degli artisti.
Come di consueto, quando il principe deve fidanzarsi, si apre la cosiddetta “Selezione”, in cui vengono scelte 35 ragazze (una da ogni stato che compone Illéa) che dovranno vivere a palazzo per un tempo indefinito e parteciperanno ad un reality show in cui solo una di loro diventerà principessa conquistando il cuore del principe.
America non vorrebbe partecipare a tale selezione perchè in cuor suo è innamorata di un altro ragazzo ed inoltre non ha una buona opinione del principe ma, convinta dai genitori si iscrive ed il suo nome viene sottratto.
Da tale momento America è di proprietà di Illea, vivrà in una bellissima stanza a palazzo, avrà magnifici vestiti e potrà fare la conoscenza del principe Maxon.
Così inizia questa fiabesca storia fatta di scintillii, eleganza e una convivenza non sempre piacevole con altre 34 ragazze.

Opinione personale: La serie the selection mi è piaciuta moltissimo, non pensavo che potesse prendermi così tanto.
Ma partiamo dal principio analizzando i vari pro e contro.
La trama della storia inizialmente ha qualche somiglianza con la nota serie Hunger games, ma dopo se ne discosta per l’ambientazione ed i temi trattati.
La protagonista è un’eroina che decide di partecipare alle selezioni contro voglia, per poi rendersi conto dell’enorme potenzialità che da ciò deriva, soprattutto far capire alla famiglia reale come vivono le caste inferiori. L’inizio della convivenza a palazzo non è delle migliori, ma con il passare del tempo America inizia a vedere il principe non come Sua Altezza Reale, ma semplicemente come Maxon. 
Il reality show prosegue sempre e comunque, nonostante le varie rivolte dei Nordisti e dei Sudisti, che vorrebbero, in modo differente, una mutazione radicale nella gestione dello Stato.
Maxon è un principe, ma oltre a ciò è fondamentalmente un bravo ragazzo che è costretto ad assecondare sempre le decisioni del Re e quelle poche volte che lo contesta non la passerà liscia molto facilmente.
Per tutta la selezione America però è contrastata dal sentimento che cresce e si spegne per Maxon e il sentimento che invece prova per Aspen, il ragazzo Sei di cui era innamorata prima di partire.
Devo dire che la nostra protagonista è un’eroina con un carattere ben deciso, anche se non è immune da innumerevoli piagnistei sulla sua esistenza e sui suoi sentimenti: sa molto bene cosa vorrebbe per il popolo, ma non conosce altrettanto bene i sentimenti che prova per questi due ragazzi.
Inoltre è sempre disposta a contraddire il Re, a far valer le proprie ragioni ma questo non le farà vivere la selezione in modo tranquillo.

Come contro ho potuto constatare che la Cass lascia molti passaggi in sospeso ed i più delle volte non approfondisce abbastanza i punti cruciali del libro. Spesso nel giro di due righe la situazione si ribaltava e io mi dicevo “ferma un’attimo, ma quand’è successo tutto ciò?”.

Il finale della trilogia è inaspettato, ma anche in questo caso non troppo approfondito, quando invece vi sarebbero dei fatti molto importanti da analizzare.

Tirando le somme non posso che dire che la trilogia mi sia piaciuta molto, tant’è che ho incominciato a leggere anche The heir.

Ho deciso di non affrontare i tre libri in maniera separata per non fare dello spoiler, perchè già i titoli di per sé fanno intuire molto.
Nonostante io abbia ricevuto per Natale i tre libri insieme e quindi ho potuto ben immaginare il finale, i colpi di scena non sono mancati e fino all’ultimo sono rimasta davvero con il fiato in sospeso.


VOTO GENERALE: ★★★★
VOTO PERSONAGGI: ★★★★
VOTO STORIA: ★★★★
VOTO SCRITTURA: ★★★☆☆


2 commenti:

  1. Ciao! Ho da poco scoperto il tuo blog grazie ad instagram.. ti seguo volentieri:)

    Nothing but Chrissi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaoooo! grazie mille, mi fa molto piacere!

      Elimina